Per concessione  di  Commissione Divulgazione UAI - Unione Astrofili Italiani

                       http://divulgazione.uai.it/

 

 

SOLE


 

Il giorno 10 passa dalla costellazione del Cancro a quella del Leone.

  • 1 agosto: il sole sorge alle 6.05; tramonta alle 20.31
  • 15 agosto: il sole sorge alle 6.20; tramonta alle 20.13
  • 31 agosto: il sole sorge alle 6.36; tramonta alle 19.48


Nel corso del mese le giornate si accorciano di circa 1 ora e 14 minuti per una localitĂ  alla latitudine media italiana.


(Gli orari indicati sono validi per una località alla latitudine media italiana). 


Situazione delle macchie solari nel visibile dal sito dell'Osservatorio Solare Soho 
 

 

LUNA


Le Fasi:

Fasi Lunari agosto 2014

DataFaseOrario

04/08/2014

Primo Quarto

02h 50m

10/08/2014

Luna Piena

20h 09m

17/08/2014

Ultimo Quarto

14h 26m

25/08/2014

Luna Nuova

16h 13m


  • Gli orari e le date sono riferiti al tempo segnato dai nostri orologi per uso civile: T.M.E.C. (Tempo Medio Europa Centrale).


 Diagramma di librazione per il mese di Agosto 2014

Una breve spiegazione del fenomeno delle librazioni e perchè sono interessanti per chi osserva la Luna

 

 Quando la Luna è piena e al perigeo si verifica un evento comunemente noto come Super-Luna. Ecco le date delle prossime Super-Lune.


 Controlla la fase attuale della Luna

 Passi sulla Luna: Maginus 


Archivio di Passi sulla Luna: osservazioni, storia e materiali lunari


a cura della Sezione di Ricerca Luna UAI



 

OSSERVIAMO IL FALCETTO DI LUNA CRESCENTE

  
La falce lunare vicina alla Luna nuova 
Che cos'è il crepuscolo? (da Wikipedia)
L'Eclittica al tramonto: attenzione al calendario! 
Falcetto Luna crescente
26 agosto ore 19:55
Falcetto Luna crescente
27 agosto ore 20:23
Fine del crepuscolo civile
Falcetto Luna crescente
28 agosto ore 20:56
Fine del crepuscolo nautico


Nel mese di agosto 2014, il giorno 26, al tramonto del Sole, ha un'etĂ  di 27.7 ore, con una fase dell'1.3%.

Da Astronomia UAI un interessante articolo sul "crescente" di Luna o "Hilal" (Astronomia UAI 4-2012 "L'Hilal e la Luna a barchetta" di G. De Donà)

A seconda della stagione, anche un'età relativamente avanzata (in ore)del falcetto di Luna, non lo rende automaticamente un soggetto facile : vedi la pagina sull'eclittica al tramonto.

Mappe del cielo realizzate con Stellarium 

 

LE MAREE

L'attrazione gravitazionale combinata del Sole e della Luna sulle masse d'acqua che si trovano sul nostro pianeta genera un'onda la cui propagazione, vista dai siti che si trovano sulle coste, si traduce in un ciclico alzarsi e abbassarsi del livello del mare. Anticamente ritenuto una sorta di "respiro del mare", come se l'acqua venisse periodicamente inghiottita ed espulsa da grandi cavità sottomarine, questa variazione di livello può essere calcolata con i metodi della meccanica celeste: ci sono tuttavia contributi non facilmente prevedibili, come quelli legati ai venti e alle condizioni meteorologiche.

Dalla tabella che segue è possibile accedere ai grafici che esprimono le variazioni del livello del mare dovuta alla marea astronomica. I grafici sono relativi ai principali porti italiani (17 località).

 

ITALIA SETTENTRIONALE
ImperiaGenovaLa SpeziaRavennaVeneziaTrieste

 

ITALIA CENTRALE
LivornoPiombinoCivitavecchiaAncona

 

ITALIA MERIDIONALE E ISOLE
NapoliCagliariPalermoPorto EmpedocleMessinaTarantoBrindisi

 


Alla pagina Osserviamo le maree sono disponibili altri approfondimenti su questo affascinante campo di indagine e di studio.

 

OSSERVABILITĂ€ DEI PIANETI

Mercurio: mese sfavorevole per l’osservazione del pianeta. Nelle prime settimane di agosto Mercurio è del tutto inosservabile, data la ridotta distanza angolare dal Sole. Il giorno 8 si verifica infatti la congiunzione con il Sole: successivamente il pianeta torna nei cieli serali, ma rimane sempre molto basso sull’orizzonte. Pertanto è difficile riuscire ad avvistarlo tra le luci del crepuscolo, anche alla fine del mese, quando tramonta non più di 45 minuti dopo il Sole.

 

Venere: dopo un lungo, monotono periodo di condizioni di osservabilità quasi costanti, che perdurava in pratica dalla fine dello scorso mese di gennaio, la situazione si avvia verso un cambiamento piuttosto repentino. Venere è ancora visibile al mattino presto, ma l’intervallo di osservabilità si riduce sensibilmente nell’arco di poche settimane. Di conseguenza, lo si osserverà sempre più basso sull’orizzonte orientale, poco prima del sorgere del Sole. Il 10 agosto Venere passa dalla costellazione dei Gemelli a quella del Cancro. Da non perdere la stretta congiunzione con Giove, prima dell’alba del 18 agosto (vedi mappa). I due pianeti al loro sorgere saranno separati da appena 12’ (poco più di 1/3 del diametro della Luna Piena). Venere attraversa molto rapidamente il Cancro e il 27 fa il suo ingresso nella costellazione del Leone.

Marte: è possibile osservare il pianeta rosso nelle prime ore della notte, sempre più basso in cielo a Sud- Ovest. Anche se il tempo disponibile diminuisce sempre più, vale la pena seguire con attenzione il percorso di Marte tra le costellazioni. Dopo una lunga permanenza nella costellazione della Vergine, il 10 agosto Marte entra nella Bilancia. In poche settimane si riduce rapidamente la distanza angolare da Saturno. L’inseguimento culmina con la suggestiva congiunzione tra i due pianeti, la sera del 27 agosto (vedi mappa).

 

Giove: dopo la congiunzione con il Sole del mese scorso, Giove ricompare al mattino tra le luci dell’alba. Le condizioni di osservabilità diventano rapidamente simili a quelle di Venere, con il quale, come già ricordato in questo paragrafo, si verifica la spettacolare congiunzione al mattino del 18 agosto, con entrambi gli astri situati nella costellazione del Cancro (vedi mappa).

 

Saturno: il pianeta si trova ancora nella costellazione della Bilancia e le condizioni di osservabilità sono analoghe a quelle precedentemente descritte per Marte, con il quale di trova in congiunzione il 27 agosto (vedi mappa). Saturno è quindi facilmente individuabile a Sud-Ovest dopo il tramonto del Sole.

 

Urano: proseguendo il trend che vede anticipare sempre più il suo sorgere, Urano è osservabile per quasi tutto la notte, inizialmente a Sud-Est , per poi raggiungere il culmine in direzione Sud nelle ore che precedono l’alba. Il pianeta si sta spostando lentamente con moto retrogrado nella parte centrale della costellazione dai Pesci. La luminosità di Urano è al limite della visibilità occhio nudo e per poterlo osservare è necessario l’uso di un telescopio.

 

Nettuno: alla fine del mese, il 29 agosto, Urano raggiunge l’opposizione al Sole. Il pianeta diventa così osservabile per tutta la notte, inizialmente ad oriente, al culmine a Sud intorno alla mezzanotte, per poi scendere verso Sud-Ovest quando il cielo è già chiaro per le prime luci dell’alba. La luminosità di Nettuno rimane comunque inferiore ai limiti accessibili all’osservazione ad occhio nudo: rimane quindi necessario l’uso del telescopio per poterlo osservare. Il pianeta si trova ancora nella costellazione dell’Acquario, dove è destinato a rimanere per un periodo estremamente lungo, fino all’anno 2022.

 

Plutone

La IAU (International Astronomical Union), ha istituito (giugno 2008) la classe dei Plutoidi. Abbiamo comunque ritenuto opportuno mantenere nella nostra rubrica Plutone, capostipite di questa nuova categoria di membri del sistema solare.

Dopo l’opposizione del mese scorso, Plutone rimane ancora osservabile per gran parte della notte, a Sud nelle prime ore della notte e successivamente a Sud-Ovest. Data la luminosità molto bassa del pianeta, è comunque indispensabile utilizzare un telescopio di adeguata potenza per riuscire ad osservarlo. Plutone è destinato a rimanere nella costellazione del Sagittario ancora per molti anni, fino al 2023.


 

CONGIUNZIONI


Luna - Marte: la sera del 3 agosto, dopo il tramonto, a Sud-Ovest si può ammirare un suggestivo allineamento, con la Luna seguita e preceduta da due pianeti: Marte, ancora nella costellazione della Vergine e Saturno nella Bilancia. (vedi mappa)

Luna - Saturno: la sera successiva, il 4 agosto, si ripropone l’allineamento dei tre astri, ma con la Luna che ormai ha “sorpassato” Saturno. Da Ovest verso Est si riconoscono quindi Marte, ancora nella costellazione della Vergine, seguito da Saturno e dalla Luna al Primo Quarto, nella Bilancia. (vedi mappa)

Luna - Pleiadi: nelle ore centrali della notte tra il 16 e il 17 agosto si può osservare la Luna all’Ultimo Quarto sorgere insieme alle Pleiadi, nella costellazione del Toro. (vedi mappa)

Venere - Giove: il fenomeno è osservabile all’alba, ma vale davvero la pena osservarlo. Nelle prime ore del 18 agosto i due pianeti più luminosi sorgeranno vicinissimi tra loro, separati da una distanza angolare di appena 12’ (poco più di 1/3 del diametro della Luna Piena). I duepianeti si trovano nella costellazione del Cancro. (vedi mappa)

Luna – Giove: prima del sorgere del Sole del 23 agosto una sottilissima falce di Luna calante appare sull’orizzonte orientale e accompagna Giove nel suo sorgere nella costellazione del Cancro. (vedi mappa)

Luna - Venere: all’alba de 24 agosto manca ormai un solo giorno alla Luna Nuova: la falce di Luna è quasi impercettibile tra le prime luci del giorno quando sorge in congiunzione con Venere, ancora nella costellazione del Cancro. (vedi mappa)

Marte - Saturno: questo mese di agosto è particolarmente ricco di congiunzioni interessanti. La sera del 27 possiamo ammirare la seconda congiunzione di rilievo tra due pianeti. Questa volta è il turno di Marte e Saturno, che si incontrano nella costellazione della Bilancia. (vedi mappa)

Luna - Saturno - Marte: il mese si chiude con l’ennesimo incontro ravvicinato tra astri del sistema solare. La Luna, prossima al Primo Quarto, raggiunge la coppia Marte – Saturno, nella costellazione della Bilancia, la sera del 31 agosto. (vedi mappa)

 

 

OSSERVIAMO LE STELLE DOPPIE AL TELESCOPIO


Questo mese l'Apprendista Astrofilo vi suggerisce di osservare Epsilon Lyrae.

Dalla scheda di osservazione il link per saperne di più sulle stelle doppie: una presentazione generale dell'argomento, la storia della loro osservazione e un repertorio bibliografico.

 

 

OSSERVARE LA STAZIONE SPAZIALE


Approfondimenti, consigli per le osservazioni sulla pagina Come osservare la Stazione Spaziale Internazionale che contiene la tabella con le previsioni dei transiti della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) per i 10 giorni successivi, calcolate per ogni capoluogo di provincia.

 

 

OSSERVARE LA STAZIONE SPAZIALE CINESE TIANGONG 1


La pagina Come osservare la Stazione Spaziale Tiangong 1 contiene la tabella con le previsioni dei transiti della Stazione Spaziale cinese Tiangong-1 ("Palazzo Celeste"), calcolate per ogni capoluogo di provincia. 

 

OSSERVARE GLI IRIDIUM FLARES


Vi è mai capitato di osservare nel cielo notturno l'improvvisa apparizione di un punto molto luminoso, seguirlo per alcuni secondi nel suo veloce movimento tra le stelle per poi vederlo repentinamente scomparire? Probabilmente avete osservato un Iridium Flare!

Scoprite di cosa si tratta e consultate le tabelle con le previsioni dei prossimi passaggi degli Iridium alla pagina: Come osservare gli Iridium Flares.

 

 

COSTELLAZIONI



In una notte senza Luna, attendiamo lo spengersi delle ultime luci del crepuscolo e volgiamo lo sguardo verso Sud. Ci troviamo nel Sagittario, costellazione che occupa la zona della volta celeste nella quale è situato il centro della nostra galassia, la Via Lattea. 
Da quell'area si origina un fiume di stelle che si estende tutto intorno a noi e che possiamo seguire alzando lo sguardo e andando in alto e verso sinistra, attraverso il Triangolo Estivo - ovvero le costellazioni dell'Aquila, della Lira e del Cigno (v. Cielo di Luglio) . 
Se già ad occhio nudo possiamo apprezzare e intuire l'immensità del disco di stelle in cui siamo immersi, con un binocolo il numero di astri visibili è incalcolabile, e innumerevoli sono le nebulose e gli ammassi stellari che si possono scorgere. Con un telescopio possiamo poi trovare una vera miniera di oggetti del cielo, splendidi soggetti per gli appassionati di astrofotografia. 
Rimanendo lungo la fascia zodiacale, nelle prime ore della sera c'è ancora tempo per riconoscere le costellazioni della Bilancia e dello Scorpione che si avviano al tramonto verso occidente; a Sud - Est troviamo invece il Capricorno e l'Acquario, costellazioni relativamente grandi ma prive di stelle brillanti e difficilmente riconoscibili senza l'ausilio di una carta del cielo. 
A Nord-Ovest la brillante stella Arturo contende a Vega il primato di astro più luminoso: essa fa parte del Bootes, dall'inconfondibile forma ad aquilone. 
Alla sua sinistra, la piccola costellazione della Corona Boreale. 
Vega, che già sappiamo riconoscere come uno dei vertici del Triangolo Estivo, insieme a Deneb e Altair, nelle prima parte della notte si trova prossima allo Zenit, proprio sopra le nostre teste, e costituisce un buon punto di riferimento per proseguire il riconoscimento delle altre costellazioni. 
Partendo da Vega e spostandoci verso Ovest possiamo individuare la costellazione di Ercole; più in basso, tra Vega e Antares (la stella più luminosa dello Scorpione) situata l'ampia ma poco appariscente costellazione dell'Ofiuco. 
Ancora nei pressi del Triangolo Estivo, in particolare nelle notti non disturbate dalla luce della Luna, possiamo cimentarci nel riconoscimento delle costellazioni minori, come la Freccia - tra il Cigno e l'Aquila - o il Delfino, facilmente individuabile per la sua forma a rombo. 
In direzione Nord, la Stella Polare è come sempre al centro della famiglia delle Costellazioni Circumpolari. L'Orsa Maggiore e l'Orsa Minore sono accompagnate, procedendo in senso antiorario, dal Dragone, da Cefeo e, con la caratteristica forma a "W", da Cassiopea. Infine a Est vedremo sorgere il grande quadrilatero di Pegaso, seguito da Andromeda e Perseo, che ritroveremo protagonisti dei cieli autunnali. 
Ricordiamo che nel Perseo si trova il "radiante" dello sciame di meteore detto appunto delle "Perseidi". 

 
Quante sono le costellazioni zodiacali? 
12, 13 o ... molte di più ? Scoprilo cliccando qui. 

La pagina UAI su Televideo RAI: per ulteriori approfondimenti su stelle e costellazioni visibili in questo periodo, consultate la televideo pagina 575 di Televideo RAI.

 

 

 

CARTE DEL CIELO

Elenco delle Costellazioni: denominazione in latino e italiano

Elenco delle stelle che hanno un nome

Le 100 stelle piĂą brillanti del cielo - da Almanacco UAI

 

Mappe del cielo del mese    
Orizzonte Nord
15 agosto ore 22:00
Orizzonte Est
15 agosto ore 22:00
Orizzonte Sud
15 agosto ore 22:00
Orizzonte Ovest
15 agosto ore 22:00
Zenit
15 agosto ore 22:00
 
Congiunzioni    
Congiunzione Luna Marte
03 agosto ore 22:00
Congiunzione Luna Saturno
04 agosto alle ore 22:00
Congiunzione Luna Pleiadi
17 agosto alle 01:00
Congiunzione Venere Giove
18 agosto ore 05:30
Congiunzione Luna Giove
23 agosto ore 05:00
Congiunzione Luna Venere
24 agosto ore 05:45
Congiunzione Marte Saturno
27 agosto ore 21:00
Congiunzione Luna Saturno Marte
31 agosto ore 21:00
 

 

Mappe del cielo realizzate con i programmi Skymap Pro e Stellarium

 

METEORE

a cura di Enrico Stomeo - Sezione Meteore UAI

METEORE DI AGOSTO 2014


Quest’agosto saranno favorevoli per osservare meteore i primi e gli ultimi giorni del mese, sarà un anno avverso invece per seguire le Perseidi, poiché la Luna arriverà alla sua fase massima il 10 agosto, poco prima cioè della maggiore frequenza dello sciame. Per fortuna agosto è ricco di altri sciami, sia pure di minore entità ma comunque consistenti, attivi soprattutto proprio nei periodi senza il disturbo della Luna. 

Molte delle correnti meteoriche sono per lo più concentrate lungo l’eclittica, tra le costellazioni dell’Aquila e dell’Aquario. Non mostrano gran quantità di stelle cadenti, né massimi particolarmente accentuati, essendo formate da corpuscoli assai minuti che si sono ormai dispersi quasi completamente sotto l’influsso delle perturbazioni dei pianeti, mostrano ad ogni modo frequenze assai regolari. 

Specie all’inizio del mese diventeranno più numerose le Alfa Capricornidi, che si irradiano da un’area a pochi gradi a nord-est della stella omonima. Visibili per tutta la notte, offriranno un’ottima opportunità per le applicazioni video fotografiche, visto che queste meteore sono apparentemente lente e per lo più brillanti con una caratteristica esplosione finale. 

Bolide delle Alfa Capricornidi apparso il 2 agosto 2012 sopra l’Emilia Romagna. La meteora, terminata a circa 77 km di altezza poco a NW di Modena [1] ha mostrato alcune caratteristiche spettacolari esplosioni finali. --- © M.Bombardini (Faenza, RA)

 


Particolarmente favorevole all’osservazione sarà quest’anno pure la corrente delle Alfa Arietidi (max 3/4 agosto), formata da velocissime meteore confermate recentemente dai dati video. 

Sicuramente durante tutto il mese un certo numero di meteore sarà osservabile dai numerosi radianti attivi nella regione dell’Aquario (es: componenti delle Delta e Iota Aquaridi). Queste correnti sono credute spesso ingiustamente possedere una bassa densità spaziale, ma in realtà sono generate da corpuscoli minuti che, impattando abbastanza lentamente nell’atmosfera terrestre, producono un esiguo effetto luminoso. 
Non di rado per lo più dalle stesse regioni eclitticali possono anche capitare spettacolari bolidi brillanti, dovuti a meteoroidi più consistenti e compatti. 

Quest'anno per le Perseidi si prevede una apparizione per nulla favorevole, dato che ci sarà il plenilunio il 10 agosto, a ridosso quindi del periodo di massima attività atteso per le ore notturne del 12/13 agosto. Il maggior numero di Perseidi dovrebbe essere osservabile poco dopo le 2h del 13 agosto, ma purtroppo la Luna, ancora abbastanza brillante, inizierà a disturbare col suo chiarore già dalle 23h30m circa del 12 agosto. Tuttavia già da dopo il crepuscolo serale il numero delle Perseidi dovrebbe risultare abbastanza evidente. 
Il numero delle meteore visuali atteso durante il massimo non dovrebbe superare le 90-100 meteore/h. Occorre ricordare però che tali valori sono teorici, e che in realtà risultano sempre ben minori. Bisogna infatti tenere presente che l’area-radiante (vicino alla stella Eta del Perseo) da cui sembrano provenire le meteore non è allo zenit, anzi nelle prime ore della notte è molto bassa sull’orizzonte, e che inoltre nei luoghi da cui si osserva, in genere non si raggiunge la magnitudine limite di +6,5 che si riferisce a cieli praticamente ottimali trasparenti e molto oscuri. In presenza di foschia o di inquinamento luminoso poi il numero delle meteore effettivamente osservabile diventa del tutto esiguo e limitato solamente a quelle più luminose. 
Se purtroppo la fase ascendente dell’attività sarà disturbata dalla Luna, quella discendente sarà maggiormente favorevole all’osservazione specie nella prima parte della notte. 

La seconda parte di agosto ci riserverà un’ottima chance per osservare per l’intera notte l’attività del radiante delle Kappa Cignidi (max 19/20 agosto), un radiante diffuso (oltre 15°) molto complesso con molti centri sparsi tra il Cigno e il Dragone, che spesso produce meteore particolarmente luminose. 

Riferimenti: 
[1] http://meteore.uai.it/b2012/b2012_08.htm



In http://meteore.uai.it/ago2014.htm maggiori dettagli sulle meteore di agosto. 

In http://meteore.uai.it informazioni su bolidi e meteore osservati e per segnalare avvistamenti. 

In http://meteore.uai.it/tecniche_osservative.htm informazioni per collaborare e osservare con la sezione di ricerca UAI. 


 

 

COMETE

a cura di Claudio PrĂ 

COMETE DI AGOSTO 2014

 

IN VACANZA CON LA JACQUES E LA OUKAIMEDEN


Il punto:

Persa nel tramonto la C/2012 K1 PANSTARRS e archiviata la veloce e deludente apparizione della C/2014 UQ4 Catalina, sarà la C/2014 E2 Jacques la protagonista delle notti di agosto. Uscita da poco dalla congiunzione solare abbinerà due ottime prerogative, vale a dire una più che discreta luminosità e un ottima posizione in cielo, caratteristiche essenziali per essere seguita da tanti appassionati. Il ruolo di comparsa spetterà invece alla C/2013 V5 Oukaimeden, che a fine mese potrebbe però competere con la Jacques per il ruolo di regina.

C/2014 E2 Jacques

Nei primissimi giorni di agosto la troveremo nell’Auriga, in procinto spostarsi nel Perseo. In seguito farà una brevissima capatina nella Giraffa, attraverserà Cassiopea e finirà il mese nel Cefeo, a ridosso della famosissima supergigante Mi Cephei, la Stella Granata. La sua corsa di quasi 70° la porterà a guadagnare una declinazione positiva sempre maggiore, tanto che già dopo pochi giorni diverrà un oggetto circumpolare, osservabile in ottime condizioni per tutta la durata della notte astronomica. La Jacques è uscita dalla congiunzione solare di sesta magnitudine e la sua luminosità dovrebbe solo leggermente calare, rimanendo comunque al di sopra della settima grandezza per tutto il mese. Sarà dunque osservabile facilmente già in un piccolo binocolo, specie se continuerà a mantenere il grado di condensazione elevatissimo sfoggiato alla sua ricomparsa.

C/2013 V5 Oukaimeden

La Oukaimeden, inizialmente molto più debole della Jacques, sarà rintracciabile tra le stelle invernali di Orione e dell’Unicorno, dunque osservabile nelle migliori condizioni verso la fine della notte astronomica. La sua altezza sull’orizzonte risulterà comunque limitata per tutto il periodo considerato. Da non perdere il suo passaggio nei pressi della Nebulosa Rosetta il 22 e il 23 agosto. Soprattutto per gli astrofotografi l’appuntamento è quello da annotarsi con la matita rossa. La cometa, partendo dalla decima magnitudine, dovrebbe crescere fino alla settima.

La cartina della Jacques riporta la posizione della cometa alle ore 3.00 ora legale. Le stelle piĂą deboli sono di ottava magnitudine.

La cartina della Oukaimeden riporta la posizione della cometa alle ore 4.00 ora legale. Le stelle piĂą deboli sono di nona magnitudine.

 

 

Cometa C/2014 E2 Jacques
Cometa C/2013 V5 Oukaimeden
Cometa C/2014 E2 Jacques
Cometa C/2013 V5 Oukaimeden

 


Le mappe fornite sono indicative e per l'intero mese. Poiché le comete si spostano (anche notevolmente) da una sera all'altra, si consiglia, a chiunque si appresti all'osservazione degli astri chiomati, di munirsi di mappe dettagliate con stelle di riferimento per giorno ed ora di osservazione scaricabili dai comuni programmi di simulazione del cielo o contattare la sezione comete UAI.


Effemeridi aggiornate delle comete presentate sono disponibili sul sito del Minor Planet Center:

http://www.cfa.harvard.edu/iau/Ephemerides/Comets/index.html

Ulteriori informazioni disponibili sul sito della Sezione Comete UAI: http://comete.uai.it mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


Diventa anche tu Apprendista Astrofilo con l’aiuto del Cielo del Mese! Diventa anche tu Apprendista Astrofilo con l’aiuto del Cielo del Mese! Diventa anche tu Apprendista Astrofilo con l’aiuto del Cielo del Mese! Diventa anche tu Apprendista Astrofilo con l’aiuto del Cielo del Mese!


 

 

 

ASTEROIDI

a cura di Carlo Muccini

 

ASTEROIDI PER AGOSTO 2014 

Asteroidi in opposizione nel mese di Agosto 2014
2 Agosto 2014 , 02:21[80] Sapphomag. 9.9
8 Agosto 2014 , 18:41[16] Psychemag. 9.3
13 Agosto 2014 , 13:09[14] Irenemag. 10.3
17 Agosto 2014 , 02:02[584] Semiramismag. 10.4
21 Agosto 2014 , 16:37[26] Proserpinamag. 10.9
26 Agosto 2014 , 15:33[63] Ausoniamag. 9.8


EFFEMERIDI PER IL GIORNO 15 Agosto 2014 ore 22:00 tutti gli orari sono per l'ora LEGALE
VisibilitĂ  degli asteroidi calcolata per il 15 del mese di Agosto 2014
asteroideA.R.Dec.MagDistanzaInizioMiglioreFineCostellazione
(12) Victoria22h58m58.7s+11°41'53"9.20.9 AU19:4602:3209:18Peg
(16) Psyche20h59m17.9s-15°51'14"9.51.7 AU19:2800:3205:37Cap
(40) Harmonia23h08m39.6s-12°44'41"9.71.2 AU21:2502:4107:58Aqr


Altri asteroidi interessanti da osservare questo mese : 

EFFEMERIDI PER IL GIORNO 15 Agosto 2014 ore 22:00 (tutti gli orari sono per l'ora LEGALE)
VisibilitĂ  degli asteroidi calcolata per il 15 del mese di Agosto 2014
asteroideA.R.Dec.MagDistanzaInizioMiglioreFineCostellazione
(80) Sappho20h27m40.2s-00°51'36"10.00.9 AU18:0100:0106:01Aql
(63) Ausonia22h24m29.8s-11°47'47"10.01.2 AU20:3701:5707:17Aqr


(40) Harmonia, Agosto 2014
(16) Psyche, Agosto 2014

 

(12) Victoria, Agosto 2014
riepilogo Agosto 2014

 

 

Ulteriori notizie utili, dati e curiosità su (40) Harmonia, (16) Psyche, (12) Victoria.

 

CALENDARIO DELLE PROSSIME OPPOSIZIONI DI RILIEVO 2014 -2015. Asteroidi luminosi con mag.<11 (*)
3 Settembre 2014 , 20:24[12] Victoriamag. 9.0
5 Settembre 2014 , 08:04[40] Harmoniamag. 9.4
8 Settembre 2014 , 01:26[144] Vibiliamag. 10.1
10 Settembre 2014 , 18:14[33] Polyhymniamag. 9.8
13 Settembre 2014 , 06:20[270] Anahitamag. 10.1
19 Settembre 2014 , 01:06[393] Lampetiamag. 10.7
24 Settembre 2014 , 08:05[84] Kliomag. 10.8
25 Settembre 2014 , 09:36[258] Tychemag. 10.7
1 Ottobre 2014 , 06:08[5] Astraeamag. 10.7
7 Ottobre 2014 , 20:37[37] Fidesmag. 9.9
15 Ottobre 2014 , 18:57[55] Pandoramag. 10.6
15 Ottobre 2014 , 22:25[88] Thisbemag. 10.4
29 Ottobre 2014 , 17:52[28] Bellonamag. 10.9
30 Ottobre 2014 , 04:41[46] Hestiamag. 10.6
2 Novembre 2014 , 05:43[245] Veramag. 10.9
5 Novembre 2014 , 19:10[52] Europamag. 10.5
19 Novembre 2014 , 08:24[6] Hebemag. 8.1
1 Dicembre 2014 , 12:09[23] Thaliamag. 9.2
9 Dicembre 2014 , 01:24[196] Philomelamag. 10.8
31 Dicembre 2014 , 08:24[10] Hygieamag. 10.0
7 Gennaio 2015 , 17:17[346] Hermentariamag. 10.7
16 Gennaio 2015 , 05:00[69] Hesperiamag. 10.3
28 Gennaio 2015 , 11:04[3] Junomag. 8.1
6 Febbraio 2015 , 12:29[71] Niobemag. 10.6
7 Febbraio 2015 , 00:10[89] Juliamag. 10.4
18 Febbraio 2015 , 17:31[8] Floramag. 9.1
4 Marzo 2015 , 12:51[7] Irismag. 8.9
10 Marzo 2015 , 03:29[17] Thetismag. 10.8
10 Marzo 2015 , 20:48[354] Eleonoramag. 9.7
23 Marzo 2015 , 23:07[44] Nysamag. 9.4
25 Marzo 2015 , 21:36[511] Davidamag. 10.9

(*) Orari in tempo locale, considerata anche l'eventuale ora legale


Diventa anche tu Apprendista Astrofilo con l’aiuto del Cielo del Mese! Diventa anche tu Apprendista Astrofilo con l’aiuto del Cielo del Mese! Diventa anche tu Apprendista Astrofilo con l’aiuto del Cielo del Mese! Diventa anche tu Apprendista Astrofilo con l’aiuto del Cielo del Mese!

 

Gli autori del Cielo del Mese

I nominativi dei collaboratori sono indicati nella pagina "chi siamo"

 



CIELO DEL MESE - Versione stampabile

  •